Arrivare a Skansen con i mezzi pubblici: tram 7, bus, auto, traghetto

Arrivare a Skansen

Skansen, è lo zoo più antico della Svezia, e, soprattutto il primo museo etnografico all’aperto del mondo. È, senza dubbio, uno dei luoghi più amati e visitati di Stoccolma, particolarmente apprezzato dai bambini.
Sorge sull’isola di Djurgården. Dal promontorio si può godere di una vista fantastica di tutta la città e dell’arcipelago

È stato fondato ha Artur Hazellius nel 1891, con l’intento di preservare e mostrare il passato della Svezia, da nord a sud.

Qui si respira l’atmosfera carica di cinque secoli di storia e cultura nelle case e nelle fattorie, dove personaggi in abiti d’epoca svolgono dimostrazioni degli antichi mestieri. È davvero una bella esperienza.

Come arrivare a Skansen

COME ARRIVARE A SKANSEN

Skansen si trova a pochi chilometri di distanza dal centro di Stoccolma, a meno di 5km dal municipio, e a poca distanza dal Museo Vasa.

MEZZI PUBBLICI

L’aeroporto internazionale di Stoccolma Arlanda si trova a circa 50 km. Skavsta, invece, oltre 100 chilometri. In entrambi i casi bisogna raggiungere il centro e, successivamente, si prosegue in tram.

La linea 7 collega tutti i giorni i due capolinea T-CentralenWaldemarsudde. Dal centro, il tragitto dura circa 15 minuti per la fermata Skansen.
Il tram funziona tutti i giorni, compresi domenica e festivi, dalle 05:30 circa a mezzanotte.
In alternativa, potrete utilizzare le line 44, 47 e 67 dei bus.
Il biglietto per adulto costa 38kr per adulto, e 25kr ridotto. Può essere acquistato anche a bordo del mezzo, con sovrapprezzo: pagherete, in questo caso, 51kr (34kr ridotto).

Il Terminal traghetti (Allmänna gränd), per le linee 80 e 82, si trova a soli 5 minuti di cammino a piedi da Skansen.

AUTO

Come indicato sul sito ufficiale, è altamente sconsigliato arrivare a Skansen in auto. È consigliato utilizzare i mezzi pubblici per raggiungere la destinazione.
Non ci sono aree parcheggio in zona.

Lascia un commento

Il Parco

Speciale Svezia

Prenotazioni

Mappa Del luogo

Condividi l'articolo